Archivio news 01/07/2019

CRESE CUP: UNO SCATENATO BERTONI REGALA IL TITOLO ALLE GOMME MARCELLO

I nero-arancio annichiliscono il Trieste Costruzioni Zanutta, vendicandosi del 9-4 di un anno fa. Terza piazza finale per il Bro&Sis, trascinato da un sontuoso Fantina. Crese Super Replay: successo ai rigori per il Thermo Idro System. Negli Over 35 affermazione Trieste Costruzioni sul Man Room Concept

 

 

CRESE CUP

Sette reti per l'agognato successo finale. Le Gomme Marcello sfatano il tabù finale, annichilendo il Trieste Costruzioni Zanutta in quella che a tutti gli effetti risultava la rivincita dell'ultimo atto 2018. Il match per i nero-arancio si mette subito in discesa con Bertoni che si regala l'ennesima perla di questa Crese Cup, siglando l'1-0 dopo 5 minuti di gioco. I rossi di Miljkovic al nono minuto hanno una grossa chance con Hrvatin (palo), ma se restano in partita per tutto il primo tempo è per merito di un sontuoso Markovic, che stoppa in almeno due circostanza un certo Muiesan lanciato a rete. In chiusura di prima frazione arriva il gol del raddoppio delle Gomme, per opera di Ciriello. Numero 7 nero-arancio protagonista anche in apertura di ripresa, efficace nel finalizzare un'ottima assistenza di Villanovich (3-0). Il Trieste Costruzioni, seppur in difficoltà, va sottolineato come non fosse baciato dalla Dea Bendata; Hrvatin coglie prima la traversa direttamente da calcio di punizione, poi s'inventa un piazzato d'interno piede che Bonin devia sulla traversa rimbalzando poi beffardamente sulla linea di porta. Per un Hrvatin in debito con la fortuna, dall'altra parte c'è un Bertoni in condizioni psico-fisiche straripanti. Da spellarsi le mani lo spunto personale che porta al 4-0 nero-arancio. Grzelj accorcia momentaneaente per il Trieste Costruzioni Zanutta, ma Bertoni con un pregevole tiro a giro sancisce la vittoria finale delle Gomme, regalandosi la palma di MVP della finalissima. C'è ancora tempo per ammirare la doppietta del super-capocannoniere dalla 18ª Crese Cup Matteo Muiesan e per due grandissime perle di Grzelj e Rudonja in casa Trieste Costruzioni. Gomme Marcello primo, quindi, davanti a  Trieste Costruzioni Zanutta e Bro&Sis. I verde acido vedono nuovamente davanti ai loro occhi la beffa della medaglia di legno come nel 2016: 1-2 per il Taboga / Progetto 74 il parziale a metà gara con centri di Podgornik e Aleksansar Markovic. Nella ripresa un Fantina in cerca di riscatto personale, però, si prende letteralmente la squadra sulle spalle. Un suo diagonale regala l'immediato gol del 2-2. Poco dopo Fantina concede il bis dal dischetto, procuratosi dopo uno slalom gigante degno di Alberto Tomba. Podgornik regala l'immediato pareggio ai Blanco. Haxhija poco dopo trafigge Jugovac in contropiede e Fantina (anaora una volta dagli undici metri con tanto di rigore mancino) segna il quinto gol per il Bro&Sis. Il gol, che regala la medaglia di bronzo al team presieduto da Veronica Manosperti. 

 

FINALE 1° / 2° POSTO

TRIESTE COSTRUZIONI ZANUTTA - GOMME MARCELLO 3-7

MARCATORI: 2 Grzelj, Rudonja; 3 Bertoni, 2 Ciriello, 2 Muiesan

 

FINALE 3° / 4° POSTO

BRO&SIS - TABOGA / PROGETTO 74 5-4

MARCATORI: 4 Fantina, Haxhija; 2 Podogornik, 2 Marjanovic A. 

 

CRESE SUPER REPLAY

Come dodici mesi fa, anche il titolo 2019 del Crese Super Replay è stato assegnato ai calci di rigore. Ad assicurarsi la seconda edizione del torneo di ripescaggio per eliminate dai primi turni ad eliminazione diretta, sia della Cup che della League, è il Thermo Idro System (estromesso dal White Cafè al golden goal). Il tutto al termine di una finale mai banale, ricca di emozioni, occasioni e gol. La prima degna di cronaca riconduce al palo griffato Tonini sponda Esse Costruzioni. In apertura di ripresa il computo dei legni si pareggia, con Germani protagonista (sulla respinta superbo intervento di Grubizza su Ghersinich). A sbloccare la contesa è un'incornata di Lionetti (piatto forte della casa). L'attaccante che nell'ultima stagione agonistica ha vestito la maglia del Primorje poco dopo concede il bis, strappando prima il pallone dai piedi di Blasevich (in uscita palla al piede fuori dall'area) e poi depositando in rete il più facile dei gol. L'inerzia del match sembra pendere dalla parte dell'Esse Costruzioni, ma un'incertezza di Grubizza (con co-partecipazione di Sergi) propizia il gol dell'1-2 di Sistiani. Il Thermo Idro System a questo punto getta il cuore oltre l'ostacolo e all'ultimo secondo strappa il pari con un diagonale di Germani. Dagli undici metri nessuno sbaglia nella canonica serie da 5 penalty. Si va così ad oltranza, con Calabrese in gol e Blasevich eccellente nell'ipnotizzare Tonini. 

 

FINALE 1° /  2° POSTO

THERMO IDRO SYSTEM - ESSE COSTRUZIONI 8-7 d.c.r. (2-2)

MARCATORI: Sistiani, Germani; 2 Lionetti

SEQUENZA RIGORI: Ghersinich (Thermo Idro System) gol, Sergi (Esse Costruzioni) gol; Sistiani (Thermo Idro System), Poropat (Esse Costruzioni) gol, Facchin (Thermo Idro System) gol, Cofone (Esse Costruzioni) gol; Lauro (Thermo Idro System) gol, Venturini (Esse Costruzioni) gol; Germani (Thermo Idro System) gol, Lionetti (Esse Costruzioni) gol; Calabrese (Thermo Idro System), Tonini (Esse Costruzioni) parato

 

 

CRESE OVER 35

Il Trieste Costruzioni Zanutta un anno dopo si prende la sua rivincita. Dopo aver subito l'onta di un 7-0 in finale, la squadra di Miljkovic si rifà battendo ai calci di rigore proprio quel Man Room Concept che dodici mesi fa gli aveva negato la gioia finale. Partita sentita e va da sé spigolosa fra gli All Black di via Torre Bianca e i giallorossi del rione di Barriera Vecchia. Il Man Room nella prima frazione è più pericoloso, colpendo due clamorosi legni con Fantina (palo) e Acic (traversa da due passi). Il Trieste Costruzioni risponde con un potente calcio piazzato di Barut, sventato da un attento Messina. Nella ripresa la fisicità si fa ancor più esasperata. Il ritmo subisce maggiori interruzioni, ma un bolide scagliato da Scotto di Minico regala l'1-0 al Man Room Concept. Il Trieste Costruzioni Zanutta si aggrappa alle giocate del suo centravanti (Barut). Una sua girata impegna severamente Messina, ma poco deve capitolare su una precisa botta dalla distanza. Il titolo numero otto del Crese Veterani si deve quindi assegnare dagli undici metri. Cisternino viene subito inpnotizzato da Peric. Poco dopo anche Di Donato si vede respingere il suo rigore, ma Messina tiene in piedi il Man Room neutralizzando i tiri di Bombac e Milutinvic. Si arriva così al quinto rigore; Norcic (sponda Trieste Costruzioni) insacca, mentre Fantina spiazza Peric ma incoccia il palo. Un errore che di fatto consegna il titolo a Barut e compagni. In campo, nella giornata conclusiva dell Crese numero 18, anche Moto Charlie e Risto Pub Borgo San Quirino protagoniste della finalina per il terzo posto. A trionfare la compagine biancorossa di Valmaura, trascinata dall'ennesima prova maiuscola di Gianluca Wolf (tripletta finale per festeggiare il titolo di capocannoniere del torneo). In casa Motocharlie in gol pure Ferat Kfexholli (doppietta), Dentini e Moselli; reti che fissano il definitivo successo per 7-3 sul Borgo San Quirino. 

 

FINALE 1° / 2° POSTO

TRIESTE COSTRUZIONI ZANUTTA - MAN ROOM CONCEPT 4-3 d.c.r. (1-1)

MARCATORI: Barut; Scotto di Minico

SEQUENZA RIGORI: Barut (Trieste Costruzioni Zanutta) gol, Cisternino (Man Room Concept) parato; Bombac (Trieste Costruzioni Zanutta) parato, Di Donato (Man Room Concept) parato; Puzic (Trieste Costruzioni Zanutta) gol, Mustacchi (Man Room Concept) gol; Milutinovic (Trieste Costruzioni Zanutta) parato, Franco (Man Room Concept) gol; Norcic (Trieste Costruzioni Zanutta) gol, Fantina (Man Room Concept) palo

 

CAMPO 2

FINALE 3° / 4° POSTO

MOTOCHARLIE - RISTO PUB BORGO SAN QUIRINO 7-4

MARCATORI: 3 Wolf, 2 Kafexholli F., Dentini, Moselli; 3 Morelli, Sabahy

 

 

 

MAIN PARTNER CRESE 2019

Concessionaria Trieste Auto

Centro Commerciale Torri D'Europa 

Gruppo Taboga

TriesteVillas Affitti Turistici

#Heineken

#MacelleriaDaRemo

Be Nice Model Agency